La primavera nel piatto e non solo

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 LA PRIMAVERA NEL PIATTO E NON SOLO!

1959

La primavera è una stagione particolare per tanti motivi...: la variazione meteo-climatica della temperatura, dell’umidità,  l’aumento delle ore di luce durante la giornata, la diminuzione delle ore di sonno! E il nostro organismo lo sa bene! Tanta attesa, ma poi ci ritroviamo con un senso di affaticamento generalizzato, astenia, svogliatezza, tono dell’umore alterato, insonnia. Questi infatti sono i sintomi più frequenti, proprio perché il nostro organismo ha bisogno di un po’ di tempo per adattarsi a queste nuove condizioni ambientali.

Come contrastare questo malessere generalizzato?

Importante partire dalla tavola, introducendo cibi giusti ed energetici, per avere un azione detox e rivitalizzante. L’introduzione di tarassaco e di cicoria, che contengono principi amari con azione stimolatoria dell’attività del fegato, può essere molto valida. Infatti, risvegliando la funzionalità epatica, si riattiva anche l’energia muscolare e generale dell’intero organismo. Non si dimentichi poi che proprio il fegato è il principale attore del metabolismo dei grassi. Tanta energia può arrivare anche dall’uso del farro o del miglio al posto della pasta. Il farro è un cereale ricco di fibre, e proprio per questo il suo uso è utile nel ridurre il carico glicemico del pasto e ad accelerare il transito intestinale. Il miglio è invece privo di glutine e per questo molto digeribile. Inoltre è altamente rimineralizzante perché ricchissimo di silicio, minerale importante, anche perché è di struttura per capelli, pelle e unghie. Farro e miglio possono essere già consumati a partire dalla prima colazione sotto forma di cereali soffiati o flakes, da aggiungere al latte o allo yogurt, magari con della buona frutta fresca di stagione

Possiamo anche arricchire il tutto con un ottimo centrifugato di verdure, che rappresenta un bel carico di sali minerali come potassio, magnesio, ferro e calcio. Ci aiuteranno a combattere irritabilità, stanchezza e favoriranno il sonno, svolgendo un’efficace azione ristrutturante e rigenerante. Mi raccomando poi di mantenere il corpo in uno stato di normale idratazione: sembra una cosa banale e scontata, ma nessuno di noi beve mai a sufficienza! 

Ma se movimento all’aria aperta e alimentazione attenta non bastano, possiamo farci aiutare da integratori specifici come Tonicoguna, con i suoi 9 estratti vegetali che lavorano sinergicamente ed in maniera complementare tra di loro. Tonicoguna è un supporto nutrizionale utile per sostenere l’organismo nelle situazioni di debolezza fisica e mentale, affaticamento o stanchezza, esaurimento psico-fisico, convalescenza e stress.

Fra i componenti spicca l'estratto di Morinda Citrifolia, pianta polinesiana più nota con il nome di Noni, il cui succo, è ricco di vitamine, minerali, aminoacidi, enzimi, oligoelementi. Il Ginseng ha invece un effetto tonico. L’Eleuterococco ha proprietà tonico-adattogene. L'Iperico e la Melissa contribuiscono al normale tono dell'umore, mentre il Ginkgo Biloba è utile per la memoria e per le funzioni cognitive.

Preferibile l’assunzione la mattina, per avere tutta l’energia necessaria per vivere al meglio le nostre fantastiche giornate di primavera.

E mi raccomando: gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia, equilibrata e di uno stile di vita sano, perché la salute non è una taglia ma uno stile di vita!

© 2018 G.C. All Rights Reserved. Designed By G. Castellini

Search