CECINA ALL’AVENA - un piatto che ci regala energia e tanti Sali minerali!

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

avena2Ricetta :

Dosi per 4 persone

  • acqua 1 lt
  • fiocchi di avena 50 gr
  • farina di ceci 200 gr
  • olio extra vergine di oliva 
  • sale di Maldon
  • pepe di Sarawak

Mettere i fiocchi d'avena in acqua per almeno 25 minuti. Poi passare nel mixer. Aggiungere la farina di ceci e mescolare. Far riposare il composto in frigo per una notte. Togliere la schiuma che si formerà in superficie.Cuocere in teglia con carta da forno, riempiendo con uno spessore di 6/7 mm. Cuocere per 20-25 minuti a 170 gradi. Condire con olio, sale, pepe. Ultimare con una grattugiata di scorsa di limone. Servire.

Perche’ l’avena è stata miscelata con la farina di ceci??  I legumi non sono un contorno, ma un piatto quasi completo a metà tra il primo e il secondo. Per rendere infatti i legumi un piatto nutrizionalmente equilibrato, vanno associati ai cereali. In questa combinazione si migliora la qualità proteica e il nostro organismo riesce ad utilizzare le proteine vegetali presenti nei legumi. Questo è il motivo per cui l’uomo in tutto il mondo ha imparato a preparare piatti come pasta e fagioli, riso e piselli ecc. Inoltre la ricchezza alimentare dei legumi non è solo legata al loro apporto proteico, ma alla ricchezza di calcio e ferro.

L’ AVENA è un cereale molto ricco di vitamine del gruppo B come la B1, B2, B3, B5, B6, vitamina K e J o colina. Per questo è un ottimo alimento energizzante per adulti, bambini, soggetti in convalescenza, sportivi e neomamme in fase di allattamento. Grazie all’alto contenuto di fibra alimentare, l’avena è un ottimo lassativo. La crusca, che ricopre i semi, ha proprietà diuretiche e depurative per l’organismo umano. L’avena contiene un tipo di fibra solubile, il betaglucano, che funziona come una spugna. Quando si deposita nell’intestino, questo intrappola il colesterolo di origine alimentare in un gel appiccicoso non assorbibile che attraversa l’intestino portandolo via. L’avena può essere utilizzata sotto forma di chicchi, mettendola a mollo circa due ore prima di cuocerla per preparare minestre. La possiamo anche aggiungere alle zuppe di cereali.

I CEC contengono il 17,5% da fibre alimentari, per il 10,6% da acqua e per il 6% da grassi. Sono quindi caratterizzati da un elevato contenuto proteico, da una modesta quantità di grassi buoni, precursori degli omega 3, e da una buona presenza di fibre alimentare. Questa infatti gli conferisce la proprietà di regolare le funzioni del nostro intestino ed allo stesso tempo di mantenere equilibrati i livelli di glucosio nel sangue. Hanno un buon contenuto in calcio, inferiore solo alla soia e ai fagioli. Risultano ricchi di ferro, magnesio, acido folico e vitamina A. Altri minerali presenti sono potassio, fosforo seguiti da sodio, zinco, rame, manganese e selenio. Le vitamine contenute sono le vitamine B1, B2, B3, B5, e B6, vitamina C, K e J ed in ultimo la vitamina E. La cottura deve iniziare in acqua fredda, portata poi ad ebollizione a fuoco lento e con coperchio. È importante che i ceci siano ben cotti per non avere problemi a livello digestivo. Inoltre i ceci dopo l’ammollo e dopo la cottura, raddoppiano di volume.

© 2018 G.C. All Rights Reserved. Designed By G. Castellini

Search