Il Blog

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con l’arrivo delle temperature più fredde, anche i nostri gusti cambiano e il nostro corpo gradisce cibi caldi e dolci coccole anche a tavola. Abbiamo bisogno di calore e di colore ed 

zucca

allora ecco una ricetta semplice da preparare velocemente che va bene sia per grandi e che per i piccini. Vediamo insieme come si fa.

Tagliare la zucca a dadini. Cuocere in acqua abbondante in ebollizione per 10 min.

Scolare. Frullare al minipimer. Condire con Olio Evo. Potete anche aggiungere pane raffermo.

Tanto sapore ma anche tante proprietà nutrizionali in questo piatto. Intanto chiariamo l’dentità della zucca, che  non è altro che il frutto maturo, o meglio lo sviluppo in crescita della piccola e verde zucchina. I frutti maturano generalmente dalla fine di agosto agli ultimi giorni di novembre anche se poi grazie alle tante varietà coltivate e al perfezionamento delle tecniche e dei metodi di conservazione, la zucca è praticamente presente sul mercato tutto l’anno. La polpa della zucca è ipocalorica e assai digeribile, ideale nell’alimentazione dei bambini e delle persone anziane. È indicata nella prevenzione delle malattie degenerative per il ruolo che svolge contro i radicali liberi. Le vitamine in essa contenute, infatti, agiscono come protettori della salute. Importante il contenuto di potassio. Le zucche hanno un basso apporto calorico in virtù della presenza nella polpa di un’alta concentrazione di acqua circa 94% e di una bassissima percentuale di zuccheri semplici. Come ogni frutto di colore giallo-arancione, anche la zucca è ricco di betacarotene, il precursore della vitamina A, utile per la salute di pelle, mucose e vista. Contiene, inoltre, tanta vitamina C e vitamina E. Grazie alla vitamina C, la zucca aiuta la guarigione delle ferite, attenua i dolori articolari, riduce gli effetti negativi dello stress e previene malattie degenerative.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

FegatoIl fegato è uno degli organi più complessi e sofisticati dell’intero organismo in quanto è un vero e proprio “laboratorio” biologico. Infatti produce la bile, essenziale per la digestione dei grassi, è una fondamentale sede di deposito per il Ferro, la Vitamina B12 ed il rame; possiede inoltre una straordinaria capacità di filtro per l’eliminazione delle scorie alimentari e per le sostanze tossiche, è ci aiuta a bruciare i grassi perché ne è l’organo responsabile per il loro metabolismo. Un alimentazione sbilanciata, con un eccesso di grassi, zuccheri o cibi fortemente processati, scarsa idratazione, un uso di alcool e bevande gassate zuccherate, stili di vita irregolari, uso di farmaci, eccesso di peso, scarso esercizio fisico e patologie, possono ovviamente alterare la normale funzionalità del fegato.

Fondamentale è quindi non sovraccaricare il nostro fegato e aiutarlo con un regime nutrizionale adeguato utilizzando cibi detox giornalmente. Ottimi risultano infatti succhi a base di verdure verdi, che alcalinizzano l'organismo e lo depurano, alleggerendo il suo lavoro quotidiano. Perfetti anche gli estratti vegetali con barbabietola e limone, per pulire in profondità questo organo così importante. Anche i succhi a base di cavolo riccio e limone svolgono un'efficace azione depurativa oppure gli estratti vegetali preparati con aloe vera, pianta ad alto potere purificante.

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Le parassitosi intestinali sono causate dalla famiglia degli elminti, che si dividono in tanti gruppi e sottogruppi. Un nome molto conosciuto è la Tenia, oltre ad altri ceppi come gli ossiuri, gli Intestinoascaridi, e gli schistosomi.
Le parassitosi che questi germi causano rappresentano un problema clinico rilevante non solo nei paesi in via di sviluppo, dove sono responsabili di morbilità e mortalità sia nell’adulto che nel bambino, ma anche nei paesi più industrializzati.
I soggetti più colpiti sono ovviamente i bambini, perché il contagio avviene tramite il contatto col terreno o con gli oggetti infestati sia dal parassita sia dalle sue uova.
Il ciclo di infestazione è avviato con l’introduzione nel cavo orale di tale parassita o delle sue uova, tanto da far sì che gli elminti raggiungano lo stadio adulto nel basso tratto gastrointestinale dopo circa 2 - 6 settimane.
La sintomatologia classica dell’infestazione da elminti ha come manifestazione principale il prurito perianale, associato ad escoriazioni causate dal continuo grattamento.
Altri sintomi associati alla presenza dei parassiti sono dolori addominali, insonnia, irritabilità e irrequietezza, manifestazioni simili all’orticaria, astenia e alterazione dell’appetito.
Diversi tipi di elminti, sia allo stadio di larva che di adulto, possono poi migrare dall’intestino in altri organi quali fegato, polmoni, cervello, così da causare altri e più gravi danni.
Gli elminti possono anche rimanere silenti per diversi anni, provocando però profonde alterazioni della funzionalità intestinale in particolare, e dell’intero organismo in generale, e operando ciò sia direttamente sia attraverso le tossine da essi prodotte.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Merluzzo al pomodoroUnire gli omega tre del merluzzo al licopene, sostanza antiossidante presente nel pomodoro cotto, rende questo piatto un ottimo anti age.

Ingredienti :

  • Merluzzo
  • Salsa di pomodoro
  • Prezzemolo
  • Capperi
  • Olive nere

Preparazione Mettere in un tegame la salsa di pomodoro, i capperi, le olive e i filetti di merluzzo. Cuocere a fuoco lento e aggiungere un po’ di acqua. Cuocere per circa 25 min. Aggiungere

MERLUZZO: Il pesce è un alimento che non dovrebbe mancare nell’alimentazione sia degli adulti che dei bambini, in quanto molto digeribile, poco calorico e ricco di sali minerali come il fosforo, il calcio, lo iodio e il selenio. I pesci ricchi di omega tre, come il merluzzo, contengono acidi grassi polinsaturi chiamati omega tre o grassi buoni, importanti per contrastare alti livelli di trigliceridi e colesterolo e in generale per ridurre l’accumulo di tossine nel sangue. Svolgono anche un azione protettiva nei riguardi delle malattie cardiovascolari.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La stanchezza mentale è una condizione che almeno una volta nella vita abbiamo sperimentato tutti. La possiamo definire come una sensazione soggettiva di fatica che può essere 146combinata con un peggioramento di ogni nostra performance, sia cerebrale che fisica.

Chi di noi non ha accusato almeno una volta una riduzione della memoria, oppure un deficit di concentrazione, o anche una diminuzione della capacità di ragionamento o di altre capacità cognitive? 

Le cause della stanchezza mentale si possono ricercare in vari fattori, ma sicuramente alle volte ci dimentichiamo di nutrire in maniera efficiente il nostro cervello.Stress, ritmi frenetici, problematiche personali, ma soprattutto errori nell’alimentazione possono portarci a qualsiasi età a sentire quel calo della nostra vitalità mentale e della nostra capacità di concentrazione.

Che cosa fare quando ci sentiamo stanchi, letargici, svogliati e alle volte inappetenti della vita? In primis riflettere sul nostro stile alimentare per cercare di renderlo più equilibrato possibile e più idoneo alle esigenze del nostro organismo.

Resta sempre sconsigliato il “fai da te” in quanto non siamo competenti nel capire ciò di cui il nostro corpo ha bisogno.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La stanchezza fisica e mentale alle volte condiziona la qualità delle nostre giornate e del nostro lavoro. La mancanza di concentrazione, la spossatezza e l’astenia impattano anche sul nostro umore e sui nostri pensieri.

stanchezza

La correzione dello stile di vita e delle abitudini alimentari è fondamentale per fornire la corretta energia al nostro organismo.

E dunque la nutrizione adeguata diventa indispensabile per la nostra memoria, per la nostra concentrazione, e per la nostra vitalità.

Quando ci sentiamo giù di tono, il nostro organismo ci sta segnalando che qualcosa non va.Non trascuriamo i messaggi che il nostro corpo ci invia, ma ascoltiamo sempre i piccoli campanellini d'allarme.

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Almeno una volta nella vita ci sarà capitato di avere pesantezza gastrica da cattiva o lenta digestione, magari a causa di un pasto troppo abbondante, oppure dopo una cena particolarmente Gonfioreelaborata. Quando il fenomeno della lenta digestione ed il suo conseguente fastidioso gonfiore ricorrono con frequenza, come capita a molte persone, nel corpo umano si ingenera una condizione che alla lunga può causare un accumulo di tossine e un aumento di peso. 

Più il processo digestivo è difficoltoso, più si trattengono nell’intestino tossine che provocano fermentazioni e che fanno assorbire una maggiore quota di calorie.

Quando la digestione lenta persiste, inoltre, possono manifestarsi altri sintomi come aerofagia, colon irritabile, reflusso gastroesofageo.

La cattiva o lenta digestione chiamata anche dispepsia è indice di un fenomeno strettamente correlato alle abitudini alimentari e dietetiche, ma anche legato ad uno stile di vita caratterizzato da fumo, stress, e sedentarietà.

Ovviamente risulta necessario adottare uno stile alimentare adeguato alle esigenze del nostro organismo, senza sovraccaricare troppo né troppo spesso il nostro apparato gastro intestinale. 

.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Frittelle di uovaIngredienti :

  • Uova
  • Pangrattato
  • Prezzemolo
  • Peperoncino
  • Erba cipollina

Preparazione Mescolare il pangrattato con prezzemolo, peperoncino e erba cipollina. Aggiungere le uova e sbattere fino a formare un composto omogeneo. Mettere il composto dentro un cucchiaio. Soffriggerlo da ambi i lati per 1 min, in una padella antiaderente, avendo cura di schiacciarlo nella p

UOVA: sono un alimento pregiatissimo, sia per l’apporto in proteine di elevate quantità che per la presenza di ferro e di vitamina D. Esse contengono circa due parti di albume e una parte di tuorlo. Nell’albume e nel tuorlo sono presenti molti sali minerali come calcio, cloro, iodio, ferro, magnesio, manganese, fosforo, potassio e sodio. Molto elevata anche la presenza di vitamine come la vitamina A, la vitamina E, la vitamina D e l’acido folico. Il tuorlo è composto da circa il 16% di proteine e dal 32 % di lipidi come il colesterolo. Nell’albume invece è presente circa l’88% di acqua, numerose proteine, sali minerali e carboidrati. L’uovo è l’unico alimento che presenta tutti e nove gli aminoacidi essenziali, non sintetizzabili dall’uomo e per questo introdotti esclusivamente con l’alimentazione. Infatti solo le proteine presenti nell’uovo hanno un valore biologico compreso tra 0,95-1, valore ritrovabile solo nel latte umano. Un’altra caratteristica importante delle uova, è che i grassi presenti, pur essendo di origine animale, sono costituiti soprattutto da acidi monoinsaturi e polinsaturi ovvero da quelli benefici per l’organismo. Purtroppo è elevato il quantitativo di colesterolo, circa 200 mg/uovo.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

avena2Ricetta :

Dosi per 4 persone

  • acqua 1 lt
  • fiocchi di avena 50 gr
  • farina di ceci 200 gr
  • olio extra vergine di oliva 
  • sale di Maldon
  • pepe di Sarawak

Mettere i fiocchi d'avena in acqua per almeno 25 minuti. Poi passare nel mixer. Aggiungere la farina di ceci e mescolare. Far riposare il composto in frigo per una notte. Togliere la schiuma che si formerà in superficie.Cuocere in teglia con carta da forno, riempiendo con uno spessore di 6/7 mm. Cuocere per 20-25 minuti a 170 gradi. Condire con olio, sale, pepe. Ultimare con una grattugiata di scorsa di limone. Servire.

Perche’ l’avena è stata miscelata con la farina di ceci??  I legumi non sono un contorno, ma un piatto quasi completo a metà tra il primo e il secondo. Per rendere infatti i legumi un piatto nutrizionalmente equilibrato, vanno associati ai cereali. In questa combinazione si migliora la qualità proteica e il nostro organismo riesce ad utilizzare le proteine vegetali presenti nei legumi. Questo è il motivo per cui l’uomo in tutto il mondo ha imparato a preparare piatti come pasta e fagioli, riso e piselli ecc. Inoltre la ricchezza alimentare dei legumi non è solo legata al loro apporto proteico, ma alla ricchezza di calcio e ferro.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Buono

Avete mai sentito parlare di equilibrio acido-base? Vi siete mai sentiti un po’ acidi? Oppure in acidosi? E magari anche un po’ scarichi e nervosi? E allora non facciamoci portare via la nostra vitalità, ma proviamo a comprendere cosa sia questa acidosi.

Nel nostro organismo il rapporto acido-base deve essere ben bilanciato, perché tale equilibrio è indispensabile per l’omeòstasi e per il mantenimento della condizione di benessere nel tempo.

Vari fattori possono però alterarlo come lo stress, la vita sedentaria, farmaci, patologie, fumo e soprattutto una cattiva alimentazione.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

113556 OOL83F 556

Anche ai più pigri di noi la bella stagione e l’avvicinarsi dell’estate regalano una ventata di buon umore e la voglia di prendersi cura della propria forma fisica.

Il desiderio di perdere qualche chilo diventa impellente, ma alle volte questa frenesia non è accompagnata da esperti consigli nutrizionali né da sane regole alimentari, bensì da stravolgimenti dietetici che portano solo l’illusione di perdere velocemente massa grassa.

Infatti il più delle volte la perdita di massa grassa non avverrà mai, ed al contrario un inesperto “fai da te” causerà la perdita di liquidi e di massa magra, innescando così il meccanismo della sindrome “yo yo”, che dopo poco tempo avrà come risultato l’inaspettato aumento del nostro peso.

Un regime dietetico drastico e squilibrato stimola, purtroppo, la perdita della massa magra, favorendo la perdita di tono muscolare, la quale con l’avanzare dell’età è già, ahinoi, fisiologica. È fondamentale avere un sano e corretto regime nutrizionale che si adatti bene alle esigenze del nostro corpo, in modo tale da permettere all

Tags:
© 2018 G.C. All Rights Reserved. Designed By G. Castellini

Search